chiudi
Food and Drink

GRANDE SUCCESSO ALLA PASTICCERIA SECCIA PER “CHIACCHIERANDO AI QUARTIERI”

aperisciù

Un successo davvero inaspettato quello registratosi nel pomeriggio dell’8 febbraio 2018 presso la Pasticceria Seccia in via Concordia 66. A rischiarare la giornata iniziata un po’ plumbea, date le condizioni meteorologiche, ci ha pensato non solo il sole, ma anche la stella dei Quartieri Spagnoli, la Pasticceria Seccia, che ha brillato di luce propria per due ore con grande affluenza di gente in strada e nel locale.

Una serata di sano e gustoso intrattenimento e di golosa chiacchiera, non solo dolciaria, tra colleghi della stampa, amici della pasticceria del popolo e residenti in zona, invitati nei giorni scorsi sull’onda del battage mediatico e della pubblicità capillare. Se le chiacchiere sono state una conferma, fragranti e saporite col sanguinaccio speziato leggermente alla cannella, l’Aperisciù è stata la sorpresa della serata.

Il bignè ripieno di creme cocktail ha incantato e stregato gli assaggiatori della carta stampata, web e tv. Al gioiello di casa Seccia, vero scrigno di sapori e colori, sono state dedicate ben due piccole sculture realizzate dal giornalista Renato Aiello, che ha ideato e pensato l’evento in collaborazione con la pasticceria dei Quartieri: un piccolo trono di stelline di capodanno, a imitazione del ben più grande e affilato trono di spade della fortunata serie tv HBO Game of Thrones, su cui era assiso un Aperisciù con stellina bianca, gusto pina colada. Il secondo manufatto invece è un’Aperisciù gigante semisferico (grande quasi quanto il Pallone d’oro alla carriera assegnato a Maradona nel lontano ’95) in cui le pietrine dipinte color ocra imitano la superficie increspata del craquelin originale (fatto di mandorle, noci e burro), sormontato proprio come i suoi gemelli morbidi dalle tre stelle rossa, blu e bianca. I colori della bandiera cubana, tanto cara al Pibe de Oro proprio come Che Guevara, hanno ispirato la pasta choux di Pasticceria Seccia, che diventa così la prima a Napoli ad avere nel proprio negozio e punto vendita un’opera scultorea dipinta raffigurante una sua creazione dolciaria esclusiva e originale, così come è l’unica ad essere presente in città su tutti i social network disponibili, dai convenzionali Twitter, Facebook, YouTube e Instagram ai meno utilizzati Google+, Linkedin, Tumblr, Flickr, Vimeo, Pinterest e 500px.

Arte che imita quella dolciaria, in una relazione osmotica col vernissage “Mitoraj a Pompei”, esposizione delle due foto firmate dalle fotografe napoletane Lidia De Campora e Francesca Cilento, che hanno ritratto una delle tante maschere-volti dell’artista polacco, quando espose le sue sculture nel parco archeologico patrimonio dell’Umanità tutelato dall’Unesco. Il Club per l’Unesco di Napoli ha fatto poi visita alla manifestazione col suo presidente Fortunato Danise, organizzatore e anima di tanti eventi artistici in città e in particolare al Museo del Tesoro di San Gennaro al Duomo.

Il consigliere municipale Marco Cocifoglia, presidente del gruppo Dema in seno al consiglio della I Municipalità di Napoli Chiaia – San Ferdinando – Posillipo, non ha fatto mancare il saluto istituzionale ai pasticcieri, ai titolari e a tutti i presenti. Hanno partecipato poi agli assaggi anche Gino Di Mare, fratello del noto giornalista e conduttore televisivo Rai, la conduttrice radiofonica Emma Di Lorenzo, la foodblogger Evelina Bruno e le giornaliste Simonetta De Chiara Ruffo, Maria Consiglia Izzo, Monica Iacobucci e Alessia Giannino (del sito Spaccanapoli le ultime due), nonché il direttore di Eroica Fenice Marcello Affuso. Alla pasticceria è stato poi assegnato nel corso della degustazione il riconoscimento “Artisti del Gusto 2017”, direttamente dalla rivista mensile on-line L’Arcimboldo, diretto da Angela Merolla, magazine rappresentato per l’occasione dalla docente nutrizionista e foodwriter Patrizia Zinno, nonché firma del sito.

Appuntamento sabato 17 marzo per il prossimo evento dolciario, “Zeppoliadi”, cibo-olimpiadi primaverili dopo quelle invernali appena iniziate in Corea del Sud, composte da assaggi di zeppoline di San Giuseppe e dalla maratona fotografia nei Quartieri Spagnoli tutto il giorno, con premi e diffusione successivamente sui social della Pasticceria Seccia. Prende il via anche il concorso “Aperisciù in città”: agli invitati dell’8 febbraio è stato consegnato il post-it con l’hashtag #Aperisciù da fotografare in primo piano davanti a palazzi, fontane, archi, chiese, monumenti, paesaggi e panorami di Napoli e della sua Provincia. Gli scatti dovranno essere inviati ai nostri canali social (Facebook, Twitter) e agli indirizzi mail aiello.renato@gmail.com e pasticceriaseccia66@gmail.com, oggetto “Aperisciù photo contest”, fino al 31 maggio 2018. Consentite anche le pubblicazioni sulla pagina Facebook partner Mangiamed.it – Mangia Sano Scegli Mediterraneo. In bocca al lupo e che lo spirito olimpico sia con voi, buona luce!

Redazione

Autore: Redazione

Lascia un commento