chiudi

ASSEriMEDIAmO

ASSEriMEDIAmOCampaniaCittà Metropolitana

Poliziotti locali travestiti da turisti per multare i tassisti abusivi della Stazione di Afragola. 

polizia local

La grande Stazione porterà sviluppo se il controllo della società civile sarà sempre più incalzante.

Certo la Stazione di Afragola è realtà, viaggiatori, turisti, studenti. Dall’11 giugno fiumi di parole a mettere o a togliere a questa enorme infrastruttura che potrebbe cambiare definitivamente il volto di un intero territorio. Soli pochi  giorni dal taglio del nastro e sono arrivati i magistrati a spezzare l’entusiasmo: parcheggio e bar provvisorio senza i regolari permessi per esercitare. Titoloni sui giornali e sotto accusa finisce quasi sempre il municipio di Afragola anche se in realtà è stato proprio il municipio a negare quei permessi sia al parcheggio che al bar: infatti nessuno ha sottolineato che l’ufficio competente del municipio afragolese è stato il primo a negare quei permessi con una “pec”, posta elettronica certificata, lo ha fatto molto prima che arrivassero i magistrati a mettere i sigilli e nonostante le grandi difficoltà a tenere sotto controllo un territorio vasto come quello afragolese. Roghi tossici, l’ultimo stanotte proprio a lato della grande stazione, la movida notturna che sempre stanotte ha visto auto capovolte in pieno centro cittadino totalmente alla mercè dei folli che impazzano impuniti. Nonostante la carenza di uomini e mezzi, nonostante le poche risorse destinate al controllo del territorio qualcosa si cerca di fare. La Polizia Locale, con gli uomini del gruppo di polizia giudiziaria travestiti da turisti ha multato i tassisti che svolgono il servizio senza i permessi per farlo, in effetti i taxi possono solo portare persone e non prelevarle. C’è tanto da lavorare per fare in modo che la “Grande Stazione” metta in moto un sano sviluppo del territorio e c’è bisogno anche del controllo della società civile su questo processo oltre all’impegno della classe dirigente.

leggi tutto
ASSEriMEDIAmO

Cantiere Giovani da Frattamaggiore in Portogallo con altre organizzazioni mondiali

cantiere giovani

In 24 arrivati da Francia, Romania, Italia, Regno Unito, Macedonia, Russia, Georgia, Armenia, Egitto, Tunisia e Palestina per partecipare al seminario Listen finanziato dall’Unione Europea con il programma Erasmus

Dal 20 al 27 Maggio in Amarante (Portogallo) due operatori di Cantiere Giovani hanno partecipato al Seminario “Listen”, sulla condivisione di approcci efficaci di comunicazione per il coinvolgimento di giovani attraverso strategie e metodi di educazione non-formale.

Ospitati da “Aventura Marão Clube” (Portugal), presso il Centro Giovanile “Casa da Juventude de Amarante”, una struttura pubblica comunale data a loro in gestione, dotata di spazi di aggregazione, aule laboratoriali, bar e ostello, 24 operatori giovanili di organizzazioni europee e non solo (Francia, Romania, Italia, Regno Unito, Macedonia, Russia, Georgia, Armenia, Egitto, Tunisia e Palestina) hanno presso parte al percorso formativo.

Il progetto ha inteso rinforzare le capacità delle organizzazioni nel combattere la dispersione scolastica e accrescere la partecipazione e il protagonismo giovanile, assicurando l’accesso dei soggetti svantaggiati alle opportunità di crescita e sviluppo. Attraverso metodologie di Educazione Non-formale (NFE) i partecipanti sono stati coinvolti in un processo che ha dato loro la possibilità di analizzare le proprie competenze in materia, acquisirne di nuove, condividere buone pratiche e interagire tra loro e con la comunità ospitante.
Durante il loro soggiorno il gruppo internazionale ha avuto l’opportunità di:
1. Conoscersi e analizzare le proprie competenze attraverso attività ludiche strutturate (energisers, ice-breaking games, intercultural games, forum theatre and simulations), momenti di riflessione interattiva e partecipata, presentazioni (Youth Pass e Programma Erasmus +; Commercio Equosolidale – Fair Trade);
2. Acquisire competenze sull’ascolto (listen), la comunicazione (lingue e linguaggi), il lavoro di gruppo (teamwork and leadership) e l’uso della creatività nel coinvolgimento di giovani;
3. Conoscere le organizzazioni partecipanti e i loro paesi e culture di provenienza, attraverso presentazioni e attività di condivisione di buone pratiche (pair education): NGO Market, intercultural party, sharing sessions e workshops;
4. Conoscere il territorio e l’organizzazione ospitante: visite guidate ai luoghi d’interesse culturale e gastronomico (Amarante, Porto, Guimaraes), visite agli enti con i quali collabora Aventura Marao Clube (Centro per Disabili Cercimarante, Scuola Superiore di Studi Agrari EPAMAC);
5. Sviluppare e testare i contenuti acquisiti (learning by doing) attraverso l’organizzazione di un evento per i giovani e la comunità locale: “Open Day: the Zoo of Wonders” tenuto luogo il 26 giugno.

Le attività si sono svolte all’interno della struttura gestita dall’organizzazione ospitante, dotata di spazi interni ed esterni, oltre che immersi nella natura del Parco adiacente alla stessa. L’ora dei pasti è stata ancora un’occasione di condivisione per il gruppo, accolto nella mensa del centro giovanile, dove i partecipanti hanno potuto assaggiare un menù vegetariano elaborato con prodotti locali e del commercio equo-solidale.

Finanziato dall’Unione Europea attraverso il Programma Erasmus+, Key Action 1, questo tipo di seminario rappresenta un’occasione unica di formazione per gli operatori giovanili, che hanno l’opportunità di confrontarsi con realtà simili di diversi paesi del mondo. Un’esperienza professionale e interculturale intensa e significativa che ottiene il riconoscimento curricolare delle competenze stabilito dall’Unione Europea attraverso lo Youthpass.

leggi tutto
ASSEriMEDIAmOCittà Metropolitana

Lo “sfizio” di non far partecipare Tuccillo all’inaugurazione della stazione

cogito editoriale tuccillo

di Antonio Iazzetta* – I lavori per la stazione dell’alta velocità di Afragola proseguono spediti e basta percorrere l’autostrada per vederla nascere e crescere. Ogni giorno di più. Una crescita, lenta ma continua, che mette a tacere tutti quelli che non credevano all’annuncio dell’inaugurazione anticipata a maggio. Certo, restano tutti i dubbi su quel che doveva essere fatto e non è stato fatto per l’area intorno alla stazione stessa e per i collegamenti, ma, intanto, sarà possibile prendere il treno ad alta velocità e non essere costretti solo a vederlo passare. Starà alla politica, poi, ai nostri rappresentanti istituzionali, far sì che quella stazione non resti la classica Cattedrale nel deserto. E qui sta il problema! La crescita della stazione, infatti, non coincide con la crescita della classe politica afragolese che, invece di pensare a come fare per non perdere quest’ultima occasione di sviluppo e crescita economica e sociale, recuperando magari il tempo perso, continua a essere impegnata con le solite polemiche di  bassa lega, alimentate e rafforzate dall’avvicinarsi della scadenza elettorale con il rinnovo del Consiglio comunale previsto per il 2018. Un comportamento inaccettabile e incosciente, quasi infantile se si vogliono prendere per vere alcune sensazioni che trapelano dal palazzo comunale dove ci sarebbe chi sta lavorando per non far inaugurare la stazione a Tuccillo. Sì, secondo alcune voci ci sarebbero alcuni Consiglieri comunali che starebbero lavorando per sfiduciare il Sindaco di Afragola alla vigilia dell’inaugurazione della stazione per non permettergli di partecipare, da protagonista, a un evento destinato a restare nella storia della città e di tutta l’area metropolitana di Napoli. Uno “sfizio”, un dispetto, insomma, come quelli che si fanno all’asilo, solo che, in questo caso, a pensarlo sarebbero persone adulte e vaccinate. Se voci del genere fossero vere, saremmo di fronte all’ennesima dimostrazione del livello, infinitamente basso, raggiunto dalla politica a Nord di Napoli. Una politica che, come dimostra il caso di Caivano dove spesso si ricorre a manifesti anonimi per offendere gli avversari politici, ha ormai smesso di raschiare il fondo del barile della dignità e sta cominciando ormai a scavare per scendere sempre più in basso. Se così non fosse, i Consiglieri comunali di Afragola dovrebbero cogliere l’occasione di questi ultimi mesi di consiliatura per provare a unire gli sforzi e raggiungere l’obiettivo di rendere quanto più funzionale e utile la stazione, in attesa dei collegamenti e del completamento dei lavori con la realizzazione della galleria commerciale. E, invece, si continua a perdere tempo con le solite discussioni tese solo a salvaguardare interessi di pochi o, addirittura, personali. I prossimi giorni ci diranno se gli afragolesi potranno sperare in un futuro migliore o se, invece, dovranno fare i conti con l’ennesima occasione persa. Con la differenza, però, che, questa volta, sarà davvero l’ultima. Perché non si riesce a capire, una volta persa la possibilità di avviare lo sviluppo grazie alla stazione dell’alta velocità, quale altra occasione possa esserci per creare un circolo virtuoso in grado di creare economia sana.

*direttore Cogito – editoriale n° 403 sabato 1 aprile 2017

leggi tutto
ASSEriMEDIAmOCampaniaCittà MetropolitanaEventiNapoli

CASALNUOVO, SUCCESSO PER LA PRIMA CAMPANA DE “IL SINDACO PESCATORE”

BANNER ASSEMEDIANO

Il sottosegretario Migliore: “Supportiamo gli amministratori locali, vincere la sfida contro le mafie è possibile”.

Grande successo per la prima campana dello spettacolo teatrale “Il Sindaco Pescatore”, l’evento organizzato dall’associazione Magic Event in collaborazione con la fondazione Angelo Vassallo ed il patrocinio del Comune di Casalnuovo di Napoli per ricordare la figura di Angelo Vassallo, sindaco di Pollica assassinato nel 2010. Prima dello spettacolo, interpretato da Ettore Bassi, il palco del teatro Magic Vision ha ospitato un dibattito incentrato sulla legalità al quale hanno preso parte il vescovo di Acerra Monsignor Antonio di Donna, il sottosegretario alla Giustizia Gennaro Migliore, il presidente della fondazione Dario Vassallo, il sindaco di Casalnuovo Massimo Pelliccia, la consigliera Metropolitana Katia Iorio ed il presidente di Anci Campania Domenico Tuccillo. – (GUARDA IL VIDEO)

“In serate come queste – ha dichiarato il sottosegretario Miglioresi restituisce alle comunità l’orgoglio di appartenere a quella parte sana delle città. Questa parte di cittadinanza non si lascia intimorire e si unisce al lavoro quotidiano dei suoi amministratori e rappresentanti istituzionali, delle forze dell’ordine. Dobbiamo essere consapevoli che è possibile non solo vincere la sfida contro le mafie, ma che noi come generazione dobbiamo sancirne la fine”. Durante il dibattito il sottosegretario Migliore si è inoltre soffermato sulla proposta di modifica di legge presentata da alcuni parlamentari che prevede l’inasprimento delle pene per chi minaccia sindaci ed assessori.

Il Presidente dell’ANCI Campania e sindaco di Afragola Domenico Tuccillo ha sottolineato tra l’altro: “… la cosa che piace di più di Vassallo e quella che era una persona non eroe, un sindaco normale, un sindaco che si preoccupava di amministrare bene, con amore e dedizione la propria comunità, la propria città”. Noi abbiamo bisogno di quell’ esempio e di quella normalità per ricostruire la convivenza civile all’interno delle nostre comunità”.

Sull’argomento si è espresso anche il primo cittadino Pelliccia: “Noi amministratori siamo rappresentiamo l’unico front office per i cittadini, ci viene chiesto di fornire delle risposte anche per tematiche che competono agli organi sovracomunali e non hanno i giusti poteri per affrontare delle criticità complesse. I dati parlano chiaro – ha aggiunto il sindaco – solo nello scorso anno sono stati 180 i sindaci e gli amministratori locali che hanno denunciato minacce e violenze subite. Nei primi tre mesi del 2017 siamo già a 15 denunce registrate. Noi siamo in prima fila sempre, seguendo l’esempio di uomini come Angelo Vassallo che hanno pagato a caro prezzo il conto delle loro battaglia, ma abbiamo bisogno di essere sostenuti e tutelati durante lo svolgimento delle nostre funzioni”.
“La Chiesa, insieme alle istituzioni ed alle amministrazioni comunali – ha dichiarato il vescovo Di Donna è molto presente sui nostri territori. Alla parola giustizia serve abbinare anche il concetto di giustizia, che appartiene al patrimonio dottrinale della chiesa cattolica. Dobbiamo agire tutelando i cittadini mettendo in campo di azioni giuste e di supporto dedicate ai giovani ed alle famiglie”.

Numerosi i sindaci dell’area metropolitana, i consiglieri regionali ed i parlamentari che hanno preso parte alla prima campana dello spettacolo: “Siamo molto soddisfatti della riuscita dell’evento – ha aggiunto a margine dell’evento la consigliera Ioriola presenza in sala dei sindaci e di numerosi esponenti politici si unisce tutti sotto il tema della buona politica e della lotta alla criminalità”

leggi tutto
ASSEriMEDIAmO

ASSEriMEDIAmO. Primo appuntamento con il sindaco Tuccillo e il governatore De Luca

Napoli, città metropolitana: una megalopoli che conta una popolazione di oltre tre milioni di cittadini, prima in Italia per densità abitativa. Il suo territorio si estende su una superficie di 1.171 km² e comprende 92 comuni. Non esistono confini tra i vari paesi, ognuno sembra essere l’estensione del limitrofo, le strade e i palazzi si fondono con quelli del vicino. Servizi poco efficienti se non del tutto assenti, la “monnezza”, la criminalità, l’urbanizzazione selvaggia e incontrollata sono alcuni degli ingredienti gettati in questo unico grande calderone che continua a bollire, senza motivo.

Ed è proprio in questo scenario che nasce “Asse-Rimediamo”, per provare a ricucire le ferite di un territorio un tempo felix. Ideato da giovani giornalisti, a cui Komunitas e Cantiere Giovani insieme a NanoTV hanno dato voce, il format digitale affronta argomenti di politica e società insieme a personaggi politici del luogo. I protagonisti dei vari appuntamenti esprimono il proprio punto di vista in merito alle tematiche affrontate e fanno proposte concrete circa il possibile sviluppo dell’area a Nord di Napoli, che è simbolicamente unita dall’Asse Mediano.

Lo scopo dell’incontro è capire “da dove si parte, dove si è, e dove si vuole arrivare”. Il set di questi appuntamenti è l’HUBAR, nuovo spazio di Piazzetta Durante a Frattamaggiore. Domenico Tuccillo, Sindaco di Afragola e presidente dell’Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani), è l’ospite che inaugura “Asse-Rimediamo” con l’intervento anche del governatore della Campania Vincenzo De Luca. Numerosi gli argomenti dibattuti durante questo primo incontro, tra cui Tav ed ipotesi di sviluppo del territorio, città metropolitana e classe dirigente locale.

leggi tutto