chiudi

CINEMA

CINEMA

Ritorna al Mann il IX convegno internazionale sulla conservazione del patrmonio culturale

mann (3)

Napoli ospiterà ancora una volta il 13 e 14 dicembre il IX Convegno internazionale “Diagnosi, conservazione e valorizzazione del Patrimonio Culturale”, nella splendida cornice del MANN, Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Accademici di vari atenei nazionali, aziende di settore, esperti scientifici del patrimonio culturale e studenti anche stavolta si riuniranno nel capoluogo partenopeo per lo storico convegno organizzato dall’AIES – Associazione Italiana Esperti Scientifici Beni Culturali, in collaborazione con il MANN, con il Polo Museale Sapienza e con ANEDBC Associazione Nazionale Esperti di Diagnostica e di scienze e tecnologie applicate ai Beni Culturali. L’evento gode del patrocinio del MiBAC, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, figurando tra i suoi eventi ufficiali, ed è stato inserito tra le manifestazioni 2018 dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale (hashtag #EuropeForCulture). Come sempre il tema portante è rappresentato dalle innovazioni che vengono dal mondo della ricerca e della impresa sui temi della diagnosi, della conservazione e della valorizzazione del patrimonio culturale. Proprio secondo queste tre direttive si articola il ricco programma di questa nona edizione, che comprende ben cinque sessioni tematiche:

Sessione Diagnosi: anno dopo anno la diagnostica continua ad essere un pilastro di questo convegno, portando agli atti esperienze di ricerca sempre varie ed innovative, presentate non già come mera ricerca di laboratorio ma come casi reali di applicazione su siti culturali.
Sessione Conservazione: raccoglie l’innovazione della ricerca scientifica e mostra i risultati delle più moderne tecniche di conservazione anche nei cosiddetti casi “di nicchia” che in questo contesto diventano studi replicabili su vasta scala.

Sessione Valorizzazione: è forse la sessione più varia di questo nono convegno e comprende al suo interno lavori dedicati principalmente alla fruizione dei beni culturali, intesa come esperienza culturale a 360 gradi. Al suo interno vi è il sottogruppo “reti per la valorizzazione” che si lega in maniera imprescindibile alla visione integrata dei siti culturali come pilastri socio-economici dei territori in cui insistono.
Sessione premio miglior tesi di dottorato e di laurea magistrale: per il secondo anno AIES ha deciso di dare spazio alle esperienze di studio di quanti si affacciano al mondo lavorativo con originalità e professionalità.
Sessione Poster: durante tutta la durata del convegno, nella sala adiacente a quella dei lavori, la sessione poster è proiettata in modalità slideshow al fine di poter dare a tutti la possibilità, in qualunque momento, di seguire anche questi lavori e, eventualmente, discuterli con gli autori.

Oltre alle sessioni tematiche (che costituiscono il corpo della pubblicazione “Atti del convegno”) questa edizione si caratterizza anche per dei “fuori atti”, ovvero contributi che non sono agli atti del convegno ma che il comitato tecnico-scientifico di AIES ritiene di interesse per la comunità scientifica e per la platea presente. In particolare verranno presentati tre esperienze interessanti di reti per la valorizzazione: il network europeo per le fiere culturali, il progetto Searen di valorizzazione del patrimonio culturale sommerso e il protocollo d’intesa ODCEC Napoli – MiBAC – ALES, un vero modello innovativo di collaborazione per sviluppo territoriale. Novità assoluta di questo convegno è la sezione dedicata alle aziende che fanno parte della famiglia AIES e che sono altamente specializzate, con un’offerta a servizio del patrimonio culturale. Due giorni ricchi di interventi e di spunti di dibattito scientifico sul tema dei beni culturali e sull’evoluzione che questo settore vive.

leggi tutto
CINEMA

In 1300 al Duel di Caserta per “Il vizio della speranza”

“IL vizio della speranza”

Sold out alla prima nazionale del film di Edoardo De Angelis con Pina Turco, Massimiliano Rossi, Marina Confalone, Cristina Donadio e le musiche di Enzo Avitabile

Party con cast e personalità al Nowhere Gallery Caserta

 

Oltre 1300 spettatori al Duel di Caserta per la prima nazionale del film “Il vizio della speranza” di Edoardo De Angelis. Presente in sala il cast composto da Pina Turco, Massimiliano Rossi, Cristina Donadio, Maria Angela Robustelli, Imma Mauriello, Nancy Colarusso, e l’autore della colonna sonora Enzo Avitabile, il direttore della fotografia Ferran Paredes Rubio, il produttore Pierpaolo Verga, il cantautore Riccardo Ceres che hanno salutato il pubblico in tutte le sale del multicinema di Silvestro Marino. L’evento è stato curato dal regista Adriano Morelli.

Presenti alla proiezione anche gli attori Miriam Candurro, Gigi Savoia, Tony Tammaro, Arturo Sepe, Massimo Masiello, Luca GalloneRenato De Rienzo, i registi Giuseppe Alessio Nuzzo, Fabio Massa, lo stilista Alessio Visone che hanno fatto la passerella sul red carpet organizzato dalla “Gest Show”. Visti tra gli altri Gaetano Pascarella, Titti e Nicola Tagliafierro, Margherita Marzaioli, Carmela Danise, Raffaele Morelli, Clotilde e Vanna De Giovanni, Noemi De Falco, Roberta Madonna, Gaetano Affinito, Tiziana Ciccarelli, Domenico Del Monaco, Emanuela Smarra, Giusy Marotta, Matteo Cerotto, Silvio Aiello.

Al termine dell’evento gli ospiti si sono spostati al Nowhere Gallery Caserta a bordo delle Bmw della concessionaria M.Car per una festa a base di musica e buon cibo. I 200 invitati hanno potuto assaggiare le pizze dei Masanielli di Sasà Martucci, i formaggi del caseificio Carmasciando, le pizze fritte di Isabella De Cham, le mozzarelle Della Pagliara, e per finire dolci di Poppella accompagnati dal Caffè Rio. La serata è stata sostenuta dall’associazione culturale a sostegno dello sport Bluduemila.

Dopo aver vinto il Premio del Pubblico alla Festa del Cinema di Roma, miglior regia e miglior attrice al Tokyo International Film Festival“Il vizio della speranza” è prodotto da O’ Groove e distribuito da Medusa.

leggi tutto
CINEMA

“LE STORIE DEL VULCANO”

LOCANDINA TRAILER

IL PRIMO SOCIAL MOVIE FIRMATO DA UN CENTRO COMMERCIALE, VULCANO BUONO!

 Un film corale di gente comune che diventa protagonista.

 

 Mercoledì 10 Ottobre al Centro Commerciale Vulcano Buono (Nola NA) avrà luogo la Conferenza Stampa e Première del primo “Shopping Social Movie” mai realizzato in un centro commerciale: “Le storie del Vulcano”.

“Le storie del Vulcano” è il risultato di una serie di fattori che si intersecano, un film corale, sorprendente, diverso da qualsiasi prodotto multimediale realizzato fino ad oggi da un Centro Commerciale: il primo shopping social movie della storia.

Il cortometraggio rappresenta un grande esperimento sociale e creativo: le persone che frequentano Vulcano Buono hanno avuto l’occasione di diventare protagonisti del grande schermo con le loro storie personali legate ad una esperienza nel centro commerciale. Questo esperimento evidenzia l’evoluzione dei centri commerciali che non sono più solo “contenitori di negozi” ma luoghi di aggregazione. Vulcano Buono, uno dei più grandi ed importanti Mall d’Italia, ha deciso di raccontare momenti e storie, attraverso un vero e proprio film realizzato utilizzando video e contenuti prodotti dai propri visitatori.

Verranno chiamati a raccolta tutti i protagonisti del cortometraggio, che vivranno l’emozione di vedersi per la prima volta, sul grande schermo, quello di “The Space Cinema” di Vulcano Buono.

Interverranno Stefano Incerti, napoletano DOC, già vincitore di un David di Donatello e regista del progetto, Mino Abbacuccio il famoso comico partenopeo e la nota trendsetter Mercedesz Henger e Gian Marco Nicelli AD del centro commerciale Vulcano Buono.

Il principale touchpoint è stato il sito lestoriedelvulcano.it dove chiunque ha avuto la possibilità di caricare un video, raccontando la propria storia vissuta nella struttura.

Ulteriori contributi sono stati raccolti nel corso di alcune giornate di street shooting nella cittadina di Nola e dintorni, oltre che nel centro commerciale, con una troupe cinematografica a disposizione di chi volesse partecipare.

Data la sua natura social e collettiva, il progetto trova sul web il suo habitat naturale con diffusione sui canali digitali del centro e promozione attraverso una strategia digital mirata all’engagement della community online. Un grande progetto crossmediale di user-generated content.

Tutti i video e i contenuti raccolti sono stati poi valutati e trasformati in racconto cinematografico dal regista d’eccezione Stefano Incerti, autore di numerosi film che hanno ottenuto un importante successo di critica. Sono stati proprio la sua sensibilità cinematografica e creatività ad aggiungere un enorme valore artistico al progetto.

L’iniziativa votata all’innovazione e costruita ad hoc sul Centro e sul suo DNA specifico, conferma senza dubbio la volontà di aprire nuove strade di respiro internazionale al marketing dei Centri Commerciali.

www.vulcanobuono.it

https://www.facebook.com/vulcanobuono/

leggi tutto
CINEMA

“GENERAZIONE.ZERO” di Peppe Celentano 

DISCOTECA 2

Dedicato alle giovani vittime del Cyberbullismo

con Gabriella Cerino e Massimo Masiello,

Pasquale Aprile, Gennaro Cassini, Priscilla Avolio, Vittorio Casolaro, Diego Sommaripa, Sonia De Rosa, Lorena Bartoli, Amedeo Ambrosino, Paolo Gentile, Silvana Brandi, Marcello Cozzolino, Ciro Burzo, Noemi Conte, Giovanna Sannino

con la partecipazione di Peppe Celentano Gennaro Monti

Monica Sarnelli interpreta la canzone inedita “Nun se pò pazzià accussì

Un nuovo lavoro cinematografico di Peppe Celentano, che indaga diverse tematiche, partendo dal tema centrale del bullismo: l’autore dialoga con i suoi personaggi, scruta il rapporto genitore-figli, scuola, camorra, omosessualità. Lo shortfilm è dedicato a tutte le giovani vittime che si sono tolte la vita a causa del bullismo.

Napoli – Ieri, giovedì 3 maggio 2018 alle ore 20:30, è stato presentato al Cinema Plaza la prima proiezione di “Generazione.Zero“, un lavoro cinematografico di Giuseppe Celentano, nato da un’idea di Giampiero Mirra, con Gabriella Cerino e Massimo Masiello. Il cast è composto tutto da attori partenopei: in scena anche Pasquale Aprile, Gennaro Cassini, Priscilla Avolio, Vittorio Casolaro, Diego Sommaripa, Sonia De Rosa, Lorena Bartoli, Amedeo Ambrosino, Paolo Gentile, Silvana Brandi, Marcello Cozzolino, Ciro Burzo, Noemi Conte, Giovanna Sannino, e con Peppe Celentano Gennaro Monti.

Dal teatro al cinema. Il film-progetto è nato dalla volontà di sensibilizzare, indagare e far riflettere sul Cyberbullismo: una “presenza invisibile” capace di perseguitare, fare del male e portare a un passo dalla morte molti adolescenti. Lo short film vuole mostrare il lato oscuro e pericoloso del bullismo e della sua versione “web” (cyberbullismo), e le sue possibili conseguenza devastanti sulla vita reale. Generazione.zeroracconta la scomparsa di Mario, un giovane studente timido, riservato, da tempo maltrattato da alcuni coetanei che gli hanno reso la vita difficile attraverso vessazioni fisiche e, soprattutto, ricorrendo al Cyberbullismo. Servendosi dei social più conosciuti come Facebook e Instagram, con scritte offensive, accompagnate da immagini e video sconcertanti, la vita di Mario si trasforma in un incubo senza via di uscita. Sul palco del Plaza, sono intervenuti: l’assessore Istruzione e Scuola Annamaria PalmieriAldo Arcangioli dell’Osservatorio nazionale Bullismo e Doping, la governatrice Emma Garzilli Di Fiore del Pio Monte della Misericordia, che ha sostenuto la creazione dell’opera. 

“Attraverso le indagini di una giudice alla soglia della pensione, coadiuvata da un giovane ispettore di polizia, raccontiamo la spasmodica ricerca di un ragazzo che gli inquirenti credono possa essersi suicidato o addirittura fuggito – spiega l’autore e regista partenopeo -. Gli interrogatori ai compagni di classe dello scomparso, agli insegnanti, e ai suoi familiari, mettono in luce una strana mescolanza di indolenza e ferocia, di ironia e spietatezza di costoro. Il principale intento della nostra storia è quello di rappresentare un fenomeno preoccupante, il bullismo con le sue sfaccettature, assai diffuso fra gli adolescenti che ci deve far riflettere come genitori, educatori e semplici spettatori”.

Il lavoro è stato realizzato con il sostegno del Pio Monte della Misericordia. E’ stato prodotto grazie a MDS MOVIES, con la collaborazione del “Diana OR.i.s.”, con il contributo del “NUOVOIMAIE” e si avvale del patrocino morale della Regione Campania, del Comune di Napoli dell’Osservatorio Nazionale Bullismo e Doping.


Generazione.Zero | regia Giuseppe Celentano

con
Gabriella Cerino 
Massimo Masiello 
Pasquale Aprile 
Gennaro Cassini 
Priscilla Avolio 
Vittorio Casolaro 
Diego Sommaripa 
Sonia De Rosa 
Lorena Bartoli 
Amedeo Ambrosino 
Paolo Gentile 
Silvana Brandi 
Marcello Cozzolino
Ciro Burzo 
Noemi Conte 
Giovanna Sannino 

e con
Peppe Celentano 
Gennaro Monti 

Soggetto e Sceneggiatura Giuseppe Celentano 
Musiche Originali Marco Mussomeli
Costumi Gabriella Cerino
Aiuto regia Fabrizio Acampora
Direttore della fotografia Enzo Pascolo
Montaggio Paolo Barone
Suono Soundciak di Stefano Stabile
Segretaria di edizione Angelica Spatarella
Scenografia MacoMovies

Produttore esecutivo Marcello Cozzolino
Ispettore di Produzione Vittorio Adinolfi
Fotografo di scena e Grafica Umberto Santacroce
Trucco e parrucco Sara Morlando
Sarta Luisa Patierno
Sartoria Epoche
Sottotitoli Corrado Conte

La canzone inedita “Nun se pò pazzià accussì” di Marco Mussomeli e Giuseppe Celentano è cantata da Monica Sarnelli

La canzone “Losing Myself” è scritta e interpretata dai Green Secret

Si ringrazia il Governo del Pio Monte della Misericordia 2017/2018:

Barone Alessandro Pasca di Magliano
Duchessa Fabrizia Paternò
Nobile Raimondo Zampaglione
Marchese Don Giuliano Buccino Grimaldi
Nobile Don Luigi Pietro Rocco
Nobile Don Roberto Dentice di Accadia
Nobile Emma Garzilli Di Fiore


Si ringrazia per il patrocinio morale:

(Logo) Osservatorio Nazionale Bullismo Doping
(logo) Regione Campania
(logo) Comune di Napoli
(logo) Fondazione Silvia Ruotolo Onlus

Si ringrazia 

Teatro Diana e la famiglia Mirra
Il Dott. Maurizio Burale
Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli
Nino Daniele
Assessorato alla Scuola e all’Istruzione del Comune di Napoli
Annamaria Palmieri
Liceo Statale Mazzini
Prof. Gianfranco Sanna
Consulente Vincenzo Amato

Per le location, si ringrazia:
Studio oculistico Avolio
Gran Garage Tosti – Famiglia Barbato
Gaan Clubbin’ Concept
GreenPrint di Prisco Ciro
Gioielleria Vitolo
Ing. Raffaele Vedova
Cinema Plaza

Si ringrazia inoltre per l’amichevole collaborazione al progetto
Monica Sarnelli Artista
Il dott. Guglielmo Mirra

“Volevo solo dare un ultimo saluto. Perché questo? Beh, il bullismo, tutto qui. Le parole fanno più male delle botte, cavolo se fanno male. A voi cosa viene in tasca oltre a farmi soffrire? Grazie per il vostro bullismo ragazzi, ottimo lavoro”. Carolina Picchio

leggi tutto
CINEMA

“Il mio uomo perfetto”, una pink comedy alla napoletana

Nancy Coppola e Eva Grimaldi

Protagonisti Nancy Coppola, Eva Grimaldi, Francesco Testi e Antonio Palmese. Regia di Nilo Sciattone. Soggetto e sceneggiatura di Giuliana Boni

Un film imperdibile: per gli inguaribili romantici, per chi ama ridere, per chi ama Napoli, la semplicità e i valori della gente del sud… Un lieto fine c’è sempre: forse non è quello che ci si aspetta, o si sogna, ma è comunque gratificante. Dialoghi esilaranti, equivoci e, ovviamente, un tocco di sano romanticismo sono gli ingredienti de ”Il mio uomo perfetto”, film diretto da Nilo Sciarrone con Nancy CoppolaEva GrimaldiFrancesco Testi e Antonio Palmese in veste di attori protagonisti. Prodotto dalla Evo Films, neofita società di produzione fondata da Nancy Coppola e dal regista del lungometraggio, il film sarà nelle sale cinematografiche di tutta Italia dal 15 marzo. Un’originale pink comedy napoletanascritta da Giuliana Boni, anche ideatrice del soggetto.

Io, il regista e la sceneggiatrice  – spiega Nancy Coppola –  abbiamo preso spunto dal titolo di una canzone tratta dal mio ultimo album. Si tratta di una storia romantica, brillante e divertente in cui la protagonista Antonietta (interpretata da me) è alla ricerca della felicità. Una ragazza determinata e autonoma, ma stanca della solita routine. Perciò si guarda attorno per cercare un uomo che le dia una sicurezza economica, la porti in giro per il mondo e le assicuri una vita migliore. Alla fine Antonietta riuscirà a realizzarsi, ma contando esclusivamente sulle sue forze”. “Sono stata affiancata da attori professionisti – continua la giovane cantante, ora anche imprenditrice e attrice – , tutte persone che, nonostante il grande spessore professionale, hanno saputo mettermi a mio agio. Stiamo già lavorando alla produzione di un nuovo film… Insomma, ‘E’ tutto sotto controllo’ , come recita anche il titolo del mio nuovo album, che uscirà tra dieci giorni e che comprende un duetto con mio figlio Vincenzo”.

Questa avventura ci sta regalando tante emozioni inaspettate – confessa il regista -. Siamo partiti in sordina e con grande umiltà, poi – strada facendo – abbiamo iniziato a raccogliere tante soddisfazioni. Siamo riusciti ad esempio a coinvolgere un cast importante che comprende Eva Grimaldi, Fracesco Testi, Antonio Palmese, Maria Del Monte, ed altri illustrissimi attori. È un film fatto con amore e per amore “.

Sono molto felice di aver partecipato a questo film – dichiara Eva Grimaldi – e alla realizzazione del sogno di Nancy Coppola e Nilo Sciarrone. Un sogno di un gruppo di grandi artisti. Noi attori che li abbiamo affiancati abbiamo seguito la storia passo dopo passo e abbiamo girato il film con grande umiltà, senza camerini ma con tanto amore. L’amore che solo Napoli e il Sud sono in grado di trasmettere. Finalmente possiamo parlare di ‘Rinascita del Sud’“.

Alla conferenza stampa di presentazione del film, svoltasi nella mattinata del 13 marzo a Napoli presso il cinema Hart, hanno fatto seguito la proiezione pomeridiana dell’anteprima del film presso il “The Space Cinema” e un party svoltosi presso il Panart a Carinaro, a cui hanno partecipato quasi 400 persone; oltre a tutti gli attori protagonisti, c’era anche gran parte del cast, ovvero:  Anna Bargellini, Claudia Letizia, Davide Iovinelli, Giuseppe De Martino, Lucia Bramieri, Luigi Carraturo, Luigi Risorto, Malena, Maria Del Monte, Mario Guida, Maria Guerriero e Nicola Palladino.

Il lancio del film è stato patrocinato dalla Regione Campania , grazie all’intercessione dell’On.  Carmine De Pascale, molto attento al tema dell’omosessualità, tra le tante tematiche di attualità affrontate nel lungometraggio.

La trama del film

La pellicola racconta di Antonietta (Nancy Coppola), una giovane e bella donna napoletana, barista, sognatrice, creativa e, soprattutto, single in cerca dell’uomo ideale, del principe azzurro in grado di garantirle una bella vita. La affiancano in questa ricerca: il migliore amico, nonché compagno “di bancone”, Mariano; la sua amica del cuore, Patrizia; e, ovviamente, i suoi genitori (napoletano verace il padre, veronese doc la madre interpretata da Eva Grimaldi). Ogni giorno Antonietta scruta i comportamenti degli uomini che vanno a sorseggiare un caffè o a consumare un veloce pasto presso il bar dove lavora: tra questi il dott. Stralti (Francesco Testi), brillante manager di un’azienda i cui uffici sono ubicati nei pressi del bar, e Federico (Antonio Palmese), un giovane operaio affascinato dalla bella barista. Chi di loro sarà il suo uomo ideale?

Il tour nelle sale

Nei prossimi giorni Nancy Coppola introdurrà la proiezione in diverse sale cinematografiche del sud Italia. In particolare domani sarà alle 19:30 presso l’UCI Cinemas di Casoria e alle ore 20:30 presso il Cinepolis di Marcianise. Venerdì 16, alle ore 20:30, presenzierà presso l’UCI Cinemas di Palermo e il giorno seguente – alla stessa ora – saluterà i suoi fan presso l’UCI Cinemas di Catania. Terminerà il suo tour in Puglia, in particolare all’UCI Cinemas di Molfetta domenica 28 – alle ore 20:30-, e a quello di Bari lunedì 29 sempre alla stessa ora.

 

Trailer ufficiale del film:

https://www.youtube.com/watch?v=k4OVG8u60nE&feature=youtu.be

leggi tutto
CINEMA

Il mio uomo perfetto, dal 15 marzo al cinema

Francesco Testi e Nancy Coppola sul lungomare Caracciolo

Protagonisti Nancy Coppola, Antonio Palmese, Eva Grimaldi e Francesco Testi

 

Esce il 15 marzo 2018 in tutte le sale italiane un film tutto “made in Naples”: “Il mio uomo perfetto” con protagonisti la cantante e attrice napoletana Nancy Coppola, e gli attori Eva Grimaldi, Francesco Testi e Antonio Palmese.

Nel cast anche Andrea Roncato, Nadia Rinaldi, Claudia Letizia, Lucia Bramieri, Malena, Maria Del Monte, Mariano Catanzaro, Antonio Fiorillo. La pellicola è stata prodotta dalla Evo Films, neofita casa di produzione cinematografica fondata dalla stessa Nancy Coppola e dal regista del film Nilo Sciarrone.

Il trailer ufficiale e la locandina del film appena pubblicati hanno registrato migliaia di visualizzazioni e condivisioni sui social network (il promo caricato su Youtube è tra i video più cliccati d’Italia).

Scritta da Giuliana Boni, la storia ha come protagonista principale Antonietta (interpretata da Nancy Coppola), una bella e ambiziosa ragazza napoletana che sogna di incontrare l’uomo perfetto. Un racconto romantico, divertente e ottimista che tocca tematiche importanti quali l’omosessualità, il riscatto del ruolo della donna, e – ovviamente – tutte le sfumature dell’amore.

“Il mio uomo perfetto” è un film “love budget”, un film fatto con amore: la costante del lungo percorso che ha portato alla sua realizzazione è stata la voglia di provarci e di realizzare un sogno che tutti coloro che hanno lavorato alla realizzazione del lungometraggio inseguivamo da tempo. Perché la storia di Antonietta non è altro che la metafora della storia di tutti quelli che hanno creduto in questo progetto, ovvero un gruppo di giovani sognatori appassionati del loro lavoro.

“Vorremo trasmettere con simpatia un messaggio umile e sincero: non è vero che i sogni non si avverano, come non è vero che l’uomo perfetto non esiste… A volte basta crederci!”, – concludono i rappresentanti della Evo Films .

SINOSSI
Esiste l’uomo perfetto? L’unica donna attualmente in grado di rispondere a questa domanda è Antonietta: 29 anni, napoletana, barista, sognatrice, creativa e, soprattutto, single in cerca dell’uomo ideale. La affiancano in questa ricerca: il migliore amico, nonché compagno “di bancone”, Mariano; la sua amica del cuore, Patrizia; e, ovviamente, i suoi genitori (napoletano verace il padre, veronese doc la madre).

Ogni giorno Antonietta scruta i comportamenti degli uomini che vanno a sorseggiare un caffè o a consumare un veloce pasto presso il bar dove lavora: tra questi il dott. Stralti, brillante manager di un’azienda i cui uffici sono ubicati nei pressi del bar, e Federico, un giovane operaio affascinato dalla bella barista.

Chi di loro sarà il suo uomo ideale? Tra colpi di scena, dialoghi esilaranti e panoramiche sulla bella Napoli, un film “politically correct” per tutti.

Trailer ufficiale del film:


leggi tutto
CINEMA

CineBus, ecco i premiati del primo festival cinematografico in movimento

2017-12-31-PHOTO-00003005

Proiezioni, dibattiti, incontri, casting e workshop all’interno di un truck che ha fatto tappa nelle piazze di Benevento, Salerno e Napoli

Si è concluso con un brindisi in piazza Garibaldi a Napoli il tour del Cinebus, il primo festival di cinema itinerante. Una due giorni dedicata alla settima arte con proiezioni, incontri, casting e workshop. Un appuntamento che ha coinvolto centinaia di giovani giungendo anche nelle piazze di Benevento e Salerno.

Una giuria di giovani studenti dell’Università del Cinema ha attribuito il Premio CineBus, dopo l’attenta valutazione delle opere vincitrici dell’ultima edizione del Social World Film Festival. Miglior lungometraggio è risultato “Saawan” di Farhan Alam (Pakistan, 138’), tra i documentari l’ha spuntata “Very Nice Shoes” di Elisa Bucchi e Nicola Bogo (Kenya, 11’), miglior corto è “Buffet” di Santa De Santis e Alessandro D’Ambrosio (Italia, 15’)

Hanno animato le giornate interessanti dibattiti con gli attori Cristina Donadio, che ha ritirato il Premio Cinema Campania 2017, Fabrizio Nevola, Yuri NapoliAntonio Braucci (“Napoli Velata”), Gina Amarante (“Gomorra – La Serie”), Fefè Altamura (“Gatta Cenerentola”), che si sono prestati alle domande di giovani talenti e semplici appassionati. Presenti anche i registi Alessio Perisano, Fabrizio Bancale, Santa De Santis, Andrea Beluto, Alfredo Mazzara, Fabio Massa. È intervenuta al termine dei lavori l’Assessore ai Giovani del Comune di Napoli, Alessandra Clemente.

Lunghe file per gli street casting a cura di PM5 Talent e Paradise Pictures alla ricerca di nuovi volti. Seguitissimi i workshop di regia, fotografia e recitazione e le presentazioni dei libri “Lettere a mia madre” e “Maritè non morde”.

L’evento è stato organizzato dall’Ente Social World Film Festival nell’ambito delle attività del progetto La Mostra Internazionale del Cinema in Campania e nel Mondo sostenuto dalla Regione Campania per il Piano Cinema 2017, con l’adesione della Film Commission Regione Campania, Comune di Benevento, Comune di Napoli, Comuna di Salerno e la collaborazione di Rai Cinema Channel, Paradise Pictures, Università del Cinema, Sabox – Formaperta. Media partner Canale 21 e Radio Marte.

Le attività istituzionali hanno ricevuto l’alto patrocinio del Parlamento Europeo, il riconoscimento del Presidente della Repubblica, del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati; il patrocinio della Fondazione Pubblicità Progresso, Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani – Premi Nastri d’Argento, Città di Vico Equense, Università degli Studi di Salerno e le Università di Napoli Suor Orsola Benincasa e L’Orientale. L’Ente è, tra l’altro, fondatore e membro attivo del Coordinamento Festival Cinematografici della Regione Campania e partecipa ai lavori del Clarcc – Coordinamento Lavoratori Regione Campania Cinema e Audiovisivi.

In nove anni di storia, il Social World Film Festival, che annovera come presidente onorario l’attrice Claudia Cardinale, ha organizzato 480 giornate di attività cinematografica in Campania e nell’intera nazione, 36 eventi internazionali che hanno toccato 27 città dei cinque continenti da New York a Sydney passando per Tokyo, Los Angeles, Rio de Janeiro, Tunisi e Londra, coinvolgendo migliaia di spettatori e centinaia di protagonisti della cinematografia mondiale.

leggi tutto
CINEMA

CineBus, il primo festival cinematografico in movimento

Claudia Cardinale presidente onorario ente Social World Film Festival

Proiezioni, dibattiti, incontri, casting e workshop all’interno di un truck che farà tappa nelle piazze di Benevento, Salerno (30 dicembre) e Napoli (31 dicembre)

Un tour dedicato al cinema con proiezioni, dibattiti, incontri, casting e workshop. Questo è Cinebus, evento si che sviluppa all’interno di un truck, munito di tutte le tecnologie e confort, che porterà nelle maggiori piazze campane le attività targate Social World Film Festival. «Questo innovativo format consentirà a tutti di avvicinarsi alla settima arte – così il regista Giuseppe Alessio Nuzzo – e allo stesso modo darà grande visibilità ai giovani talenti del nostro territorio».

CineBus arriverà sabato 30 dicembre a Benevento in Piazza Risorgimento dalle 10 alle 13 e a Salerno in Piazza Mazzini dalle 18 alle 21. Tappa conclusivadomenica 31 dicembre a Napoli in Piazza Garibaldi dalle 10 alle 16.

Verranno proiettate le opere vincitrici dell’ultima edizione del Social World Film Festival, alla presenza di regista e cast, che saranno valutate da una giuria di giovani studenti dell’Università del Cinema che attribuirà il Premio CineBus alle categorie lungometraggio, documentario e cortometraggio. Spazio a workshop di regia, fotografia e recitazione, e a street casting a cura di PM5 Talent e Paradise Pictures alla ricerca di nuovi volti. Verranno inoltre presentati i libri “Lettere a mia madre” e “Maritè non morde” che pongono l’accento su Alzheimer e disabilità.

Infine, un brindisi di fine anno con l’attrice Cristina Donadio, invitata a ritirare il Premio Cinema Campania 2017, l’attore Fabrizio Nevola, reduce dal successo televisivo con “Sotto copertura – La cattura di Zagaria”, e tanti operatori del settore o semplici appassionati.

L’ingresso a tutte le attività proposte per il CineBus è totalmente gratuito e libero, fino ad esaurimento dei posti disponibili salvo per i workshop che, seppur totalmente gratuiti, è necessario prenotarsi inviando una mail a workshop@cinebus.it (programma completo su www.cinebus.it).

L’evento è organizzato dall’Ente Social World Film Festival nell’ambito delle attività del progetto La Mostra Internazionale del Cinema in Campania e nel Mondo sostenuto dalla Regione Campania per il Piano Cinema 2017, con l’adesione della Film Commission Regione Campania, Comune di Benevento, Comune di Napoli, Comuna di Salerno e la collaborazione di Rai Cinema Channel, Paradise Pictures, Università del Cinema, Sabox – Formaperta.

Le attività istituzionali hanno ricevuto l’alto patrocinio del Parlamento Europeo, il riconoscimento del Presidente della Repubblica, del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati; il patrocinio della Fondazione Pubblicità Progresso, Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani – Premi Nastri d’Argento, Città di Vico Equense, Università degli Studi di Salerno e le Università di Napoli Suor Orsola Benincasa e L’Orientale. L’Ente è, tra l’altro, fondatore e membro attivo del Coordinamento Festival Cinematografici della Regione Campania e partecipa ai lavori del Clarcc – Coordinamento Lavoratori Regione Campania Cinema e Audiovisivi.

In nove anni di storia, il Social World Film Festival, che annovera come presidente onorario l’attrice Claudia Cardinale, ha organizzato 480 giornate di attività cinematografica in Campania e nell’intera nazione, 36 eventi internazionali che hanno toccato 27 città dei cinque continenti da New York a Sydney passando per Tokyo, Los Angeles, Rio de Janeiro, Tunisi e Londra, coinvolgendo migliaia di spettatori e centinaia di protagonisti della cinematografia mondiale.

leggi tutto
CINEMA

“ SENSAZIONI D’AMORE ”

IMG_0990

IL NUOVO CORTOMETRAGGIO DI  ADRIANO PANTALEO

Tra i finalisti ai Fabrique du Cinèma Awards 2017

 

Adriano Pantaleo, noto attore di teatro, cinema e tv, esordisce come regista con il cortometraggio “Sensazioni d’Amore” prodotto da PierPaolo Verga per O’Groove e Terra Nera.

L’idea nasce da un raccontro breve di Marco Marsullo  letto  alcuni anni fa, Adriano Pantaleo ha poi scritto la sceneggiatura , con lo stesso Marsullo, ispirandosi al reale fenomeno dei cantanti neomelodici .

Oltre 60 comparse e 15 attori professionisti sono stati messi in campo per realizzare l’opera prima di Adriano Pantaleo, un lavoro davvero impegnativo, su cui ha voluto scommettere il produttore PierPaolo Verga per O’Groove . Proclamata “miglior produzione” ai David di Donatello 2017, O’Groove non ha esitato a credere nel progetto del giovane e promettente regista.

Selezionato tra oltre 1500 corti provenienti da ogni parte del mondo, Sensazioni d’Amore  è ora in finale ai Fabrique Awards 2017 giunto alla terza edizione.

La premiazione è avvenuta il 15 dicembre alle ore 21 presso lo Spazio 900 di Roma, dopo il verdetto della giuria composta da

Valentina Lodovini, Christian Halsey Solomon e Alessandro Usai e presieduta dal noto attore Willem Defoe.

 

SINOSSI

 Ogni bambino nasce con una melodie nel cuore. La musica, a Napoli, è al centro della vita di ogni persona. A Napoli, molti ragazzi, sognano di fare i cantanti e alcuni ci riescono: Marco Marsù è unodi questi. È il giorno della festa del diciottesimo compleanno di Annarita Milonga. Geggè, il padre della festeggiata, come ogni padre, vuole che sia un giorno indimenticabile della vita di sua figlia e per questo le prepara ‘o regalo cchiù bell’ ro munn’:  Marco Marsù, canterà per lei alla sua festa. Ma Geggè è anche un uomo di strada, un criminale, il capo di uno spietato clan camorristico. La festa per il compleanno di Annarita Milonga si trasforma, per il giovane cantante, in un sequestro in piena regola…

NOTE DI REGIA

” Sentivo fortemente l’urgenza di raccontare l’universo dei cantanti neomelodici utilizzando però un punto di vista insolito, uno sguardo diverso: quello del cantante appunto. La mia idea era quella di fare un film che non fosse assolutamente “giudicante”. Ho sentito la necessità dunque di utilizzare codici diversi da quelli con cui siamo solitamente abituati a vedere raccontato questo mondo e di cui siamo spesso assuefatti, dei codici più moderni e meno realistici. Ho pensato che la leggerezza potesse essere un modo nuovo di affondare l’occhio nel reale, di raccontare quei meccanismi che attanagliano questo universo, e non solo, facendo in modo che il pubblico potesse percepire certe dinamiche come universali. La strada della commedia nera dai toni grotteschi e talvolta esasperati, come d’altronde sono i ricevimenti di una “certa Napoli”, mi è sembrata rispondere a queste esigenze e per fare in modo che il film mantenesse uno spessore anche di indagine sociale ho optato per un finale crudo e reale, sottolineando così l’inevitabile destino tragico di chi si trova intrappolato nel “sistema” camorra anche essendone totalmente fuori, o se vogliamo ai margini, suo malgrado “. ( Adriano Pantaleo)

Selezionato tra oltre 1500 corti

 SENSAZIONI d’AMORE

un film di

Adriano Pantaleo

 con

Adriano Pantaleo /  Antonio Pennarella / Viviana Cangiano

Luigi Cesarano  /   Giovanni Rienzo

 soggetto

Marco Marsullo

 sceneggiatura

Marco Marsullo e Adriano Pantaleo

 

montaggio

Centomani Brothers

 

musiche originali

Mariano Bellopede

suono – mix audio

Giorgio Durantino per the ctrl room

 

scenografia

Gabriele Lucci

 

costumi

Pina Sorrentino

 

fotografo di scena e grafica

Carmine Luino

 

prodotto da

Pierpaolo Verga per O’Groove in collaborazione con Francesco Di Leva e Adriano Pantaleo per Terranera

 

 

 

 

 

leggi tutto
CINEMA

TANTI PREMI PER CINEMA FICTION

Cinema Fiction

Un momento d’oro per CinemaFiction

Nata nel 2000 come la prima scuola professionale per il cinema, la televisione e la radio del Sud Italia, CinemaFiction è stata premiata al prestigioso Premio Cinema Campania presso il Cinema Hart di via Crispi , a Napoli, per aver contribuito allo sviluppo , al radicamento , alla promozione dell’attività cinematografica in Campania con la produzione del film ” era Giovane e aveva gli occhi chiari “.

Il premio, grande riconoscimento per gli operatori del settore, è stato consegnato al regista della pellicola, Giovanni Mazzitelli , e ad Antonio Acampora e Armando Ciotola di CinemaFiction, e con loro, anche al protagonista del film, come miglior attore esordiente, il giovane Mario di Fonzo.

Il film uscirà nelle sale a primavera.

CinemaFiction si conferma come Società di produzione e Talent scout, sia per gli attori sia per i registi, dalla produzione alla formazione.
Ad ora, il film ha già superato 17 selezioni e vinto ben 11 premi in tutto il mondo.

leggi tutto