chiudi

Città Metropolitana

Città Metropolitana

“Stallo inaccettabile, imprenditori bloccati da una burocrazia lenta e farraginosa: ridateci i corsi per i responsabili tecnici dei centri revisione auto”

Luca-Lanzetta (1)

Il presidente del Movimento delle Scuole di Formazione scrive una lettera alla Regione: “Blocco dei corsi non ha motivo di esistere, migliaia di officine e responsabili non possono operare e lavorare”

“Ci sono migliaia di officine e responsabili tecnici che non possono operare e lavorare; centinaia di persone, e non solo in regione Campania, che hanno effettuato migliaia di euro di investimenti per le linee di revisione e che oggi sono in grande difficoltà e obbligate a rimanere nel sommerso, nell’ombra se non nell’illegalità in quanto impossibilitati a formare tale figura professionale”. È uno dei passaggi più importanti della lettera aperta che Luca Lanzetta, presidente del Movimento Libero e Autonomo – sindacato di categoria degli enti di formazione professionale campani – invia alla Regione Campania per chiedere che siano avviati nuovamente i corsi di formazione per i revisori per auto e moto e veicoli a rimorchio. Questa qualifica, al centro di un discusso passaggio di competenze dalle Regioni al Ministero, è indispensabile per far sì che titolari delle officine e addetti siano in regola con la legge.

Il blocco delle attività formative legato alle nuove pronunce e disposizioni del Ministero dei Trasporti – spiega Lanzetta – a nostro avviso non ha più motivo di esistere. Non sono stati fissati i nuovi standard, nuove norme non ce ne sono, e nessun Ministero può bloccare le Regioni nell’avvio di attività formative e di aggiornamento a favore del territorio e delle imprese. La risposta del MIT, che tanto si attendeva, è totalmente vaga, l’UE nulla dice, e ci sono migliaia di centri di revisione che non possono operare e lavorare”.

“Sarebbe pertanto il caso – aggiunge Lanzetta – che la Regione Campania superasse questa impasse autorizzando le attività corsuali, e permettendo agli enti già autorizzati, che a questo punto sono ingiustificatamente fermi, a ri-erogare i corsi per tale figura”.

“La Regione Campania – conclude – sarebbe come sempre in prima linea in quanto nulla osta all’aggiornamento e alla formazione di imprenditori e padri di famiglia, permettendo anzi la possibilità di riemergere dal sommerso e tornare nella legalità. In questo preciso momento storico si necessita di un segnale forte e giusto, a favore delle imprese, dei lavoratori, contro l’immobilismo di una macchina burocratica vecchia e lenta”.

leggi tutto
Città Metropolitana

Senza dimora, estesi alla Città Metropolitana gli interventi delle Unità di Strada 

sfd
Quest’anno le attività per la tutela dei senza fissa dimora, stretti nella morsa del caldo, si estendono a tutta l’area metropolitana cittadina, andando a coprire le esigenze non solo di Napoli ma anche dei Comuni limitrofi: è l’iniziativa del Comune di Napoli, illustrata dall’Assessore al Welfare Roberta Gaeta, per far fronte alle esigenze dei cittadini più fragili.
 “Le attività di supporto, prevenzione e sostegno rivolte ai cittadini senza dimora – informa l’Assessore Gaeta – continuano anche ad agosto, con una grande novità: quest’anno gli interventi delle Unità di Strada si ampliano, estendendosi nell’area della Città Metropolitana, in base al criterio della vicinanza. Spesso, infatti, i nostri operatori non posso intervenire in supporto delle persone segnalate che si trovano al di fuori dei confini territoriali della Città di Napoli: con questo servizio realizzato nell’ambito del “Pon Metro Città Metropolitane”, le Unità di Strada potranno raggiungere i comuni limitrofi in modo da supportare un maggior numero di persone in difficoltà”.
I Comuni interessati sono quelli di Casalnuovo, Arzano, Casavatore, Melito, Marano, Quarto, Pozzuoli, San Giorgio, Portici, San Sebastiano, Cercola e Volla. 
“Queste azioni – spiega la Gaeta – rappresentano un ulteriore tassello che si aggiunge agli interventi che l’Amministrazione pone in essere per i cittadini più fragili. Soprattutto in vista dell’aumento delle temperature, tra l’altro, chi è in difficoltà necessita di maggiore cura e sostegno: a questo proposito, voglio ricordare che è possibile contattare la Centrale Operativa Sociale al numero 081/5627027 servizio attivo H24 al quale segnalare la presenza di senza dimora per un immediato aiuto da parte delle Unità Mobili di Strada”.
“Come Amministrazione – conclude l’Assessore – vogliamo valicare ogni tipo di confine che impedisce di aiutare il prossimo, soprattutto ogni essere umano in difficoltà”.
leggi tutto
Città Metropolitana

Somma, servizio di refezione scolastica, parte il Telemoney

Comune di Somma Vesuviana

SOMMA VESUVIANA. Un servizio sperimentale che ha l’obiettivo di rendere più semplice la vita ai genitori, quello che partirà a Somma Vesuviana dal 2 maggio: il servizio “Telemoney” per la gestione automatizzata delle prenotazioni dei pasti in sostituzione dell’attuale sistema con ticket cartacei. A renderlo noto sono il sindaco Salvatore Di Sarno, l’assessore alla Pubblica Istruzione Giovanni Salierno.

“Era giunto il momento di modernizzarsi”, commentano Di Sarno e Salierno, “In molte scuole italiane questo servizio è già una realtà consolidata, ora lo diventerà a Somma. Puntiamo con questa novità ad agevolare i genitori, far si che la refezione scolastica sia più funzionale ed aiutarci anche a scoprire se ci sono eventuali mancanze. Dal 2 maggio partiamo con questa sperimentazione e poi a settembre diventerà effettiva, se avremo i risultati sperati lo stesso metodo sarà poi esteso anche alle cedole librarie e al trasporto scolastico. Confidiamo sempre nell’aiuto concreto dei cittadini, insieme possiamo effettuare il cambiamento che abbiamo promesso quando ci siamo candidati”.

La soluzione automatizzata prevede sempre la prenotazione automatica del pasto per i bambini iscritti al servizio, per cui il genitore è tenuto soltanto a segnalare, dalle ore 18 del giorno precedente alle ore 09:30 del giorno corrente, l’eventuale disdetta della prenotazione per assenza del bambino. Le disdette pervenute oltre detti orari non saranno prese in carico ed al genitore sarà addebitato il relativo costo in quanto il gestore della mensa erogherà normalmente il pasto. La disdetta della prenotazione può aver luogo in 2 modalità: La telefonata NO-COST con la quale il genitore può chiamare, da uno dei propri numeri di telefono indicati al momento dell’iscrizione, il Centro Servizi Telemoney ai numeri: 1° Figlio   089.842.392.1, 2° Figlio  089.842.392.2, 3° Figlio  089.842.392.3. Il sistema Telemoney riconosce il numero chiamante ed il figlio per il quale viene effettuata la segnalazione, chiude la chiamata in modo che non produca costi telefonici per il genitore ed automaticamente registra la disdetta della prenotazione. Oppure con l’accesso “via Web/App” (i cui username e password saranno forniti al momento della registrazione tramite sms). Il genitore, accedendo al portale WWW.TELEMONEY.IT, direttamente da qualsiasi browser o attraverso l’apposita APP, con la propria Login e Password, può disdire la prenotazione automatica del pasto per il/i figlio/i, eventualmente anche per più giorni.

In particolare, i genitori entro il giorno 24 aprile dovranno consegnare la domanda compilata e i ticket residui all’ufficio Scuola del Comune o,  per le scuole che invece hanno dato la disponibilità, presso il plesso.  Nella domanda i genitori avranno cura di indicare tutti i dati richiesti ed il numero di ticket restituiti, al netto di quelli trattenuti per i giorni di mensa 26-27 e 30 aprile, precedenti all’attivazione del servizio automatico. I ticket restituiti saranno ricaricati sul sistema Telemoney e resi disponibili per la prenotazione automatica.

 Si precisa che il sistema Telemoney non consente di usufruire del servizio se l’utente non dispone di credito di spesa, pertanto sarà cura del genitore provvedere ad effettuare la ricarica e consegnare la relativa ricevuta di versamento presso l’Ufficio Scuola del Comune, solo per il mese di maggio. Per qualsiasi chiarimento rivolgersi al servizio Telemoney tel. 0825/1886628 – 392/3470302 – 392/3470893

leggi tutto
Città Metropolitana

Afragola. Riapre oggi l’edificio della ex Scuola Settembrini : ospiterà i servizi demografici e le politiche Sociali

settembrini 800

Oggi, martedì 23 gennaio, alle ore 10, saranno inaugurati i nuovi uffici comunali presso l’ex scuola “Settembrini”. All’inaugurazione parteciperanno il Sindaco Domenico Tuccillo, la Giunta, il Presidente del Consiglio comunale Nicola Perrino, e i Consiglieri comunali. Negli uffici di via don Sturzo n. 12 i cittadini troveranno gli Uffici Anagrafe, Stato Civile, Elettorale e l’Ufficio Servizi Sociali. A completamento del piano di riorganizzazione e razionalizzazione degli uffici comunali i Servizi Demografici e i Servizi Sociali vengono accorpati in una nuova e unica sede, facilmente accessibile per tutti gli afragolesi.

leggi tutto
Città Metropolitana

Cardito. Tradizionale incontro natalizio del consigliere Chiacchio con la cittadinanza

cardito chiacchio

Si terrà oggi a partire dalle 17 e 30 il consueto incontro\resoconto del consigliere comunale Pasquale Chiacchio di fine anno. Un momento di confronto\resoconto con la cittadinanza e il tradizionale brindisi di auguri natalizi che il consigliere comunale ogni anno propone a chi lo sostiene nella sua attività  in favore di Cardito. Un confronto che vedrà la partecipazione del Sindaco della Città Giuseppe Cirillo e del campione del calcio Napoli Giuseppe Bruscolotti.

leggi tutto
ASSEriMEDIAmOCampaniaCittà Metropolitana

Presentata alla Camera dei deputati l’iniziativa Made in Scampia

rostan scampia

Una scatola regalo per raccogliere fondi. Rostan: “Impegno sociale per il territorio”

“Portiamo a Roma, nella sede del Parlamento, uno straordinario esempio di resistenza e buone pratiche che, intrecciando cultura e volontariato, si sta realizzando a Scampia”.  Lo dichiara Michela Rostan, deputata di Mdp, che in questi giorni, a Roma, presso la Camera dei deputati, ha presentato con Rosario Esposito La Rossa e Maddalena Stornaiuolo, l’iniziativa Made in Scampia.
Una scatola regalo, al prezzo di dieci euro, con prodotti locali, per sostenere le iniziative dell’associazione Voci di Scampia. “Questa iniziativa è alla quinta edizione – commenta ancora la parlamentare napoletana Rostan -; con i fondi raccolti negli anni scorsi sono nati progetti nuovi ed è venuto alla luce lo spazio della Scugnizzeria.. Quest’anno, se l’adesione sarà significativa, si darà vita a nuovi interventi sociali e culturali. Il sostegno a questo lavoro sociale è un pezzo di militanza per il territorio. Per me, portare alla Camera il nome di Scampia legato a questo straordinario impegno, è un onore e una responsabilità. Lavoreremo ancora insieme per nuovi obiettivi”.
Nella scatola di Made in Scampia, per dieci euro, si troverà: un libro della casa editrice Marotta&Cafiero, stampato a Km 0 su carta riciclata certificata con inchiostri non inquinanti e colle senza plastificanti; un Pizzino della Legalità Smart, ovvero un magnete con un qrcode attraverso il quale sarà possibile scaricare in formato digitale la storia della vittima innocente di camorra Alberto Vallefuoco, scritta da Fabio Giuliani; 5 cialde di caffè ESE prodotte a Melito di Napoli con chicchi di caffè provenienti dal Brasile e dall’Africa, mix di qualità Robusta e Arabica. Poi ancora, cartoline, il film “Scampia Felix” prodotto dal Gridas con la regia di Francesco Di Martino, documentario che partendo dal Carnevale del Gridas racconta le esperienze positive del quartiere; uno sconto 2×1 su tutti gli spettacoli della stagione 2017-2018 del teatro Bolivar. Infine sarà possibile scaricare un cd musicale “Mai più nuvole sulle anime randagie” e l’ebook “Sangue Randagio” entrambi di Fabrizio Fedele, scrittore e musicista partenopeo.

 

leggi tutto
ASSEriMEDIAmOCampaniaCittà Metropolitana

Terra dei fuochi: il commissario abbandona dopo 8 mesi

campanaro

Tuccillo (Anci Campania): viva preoccupazione, subito la nomina del sostituto

“Nell’esprimere l’apprezzamento per il lavoro svolto in questi mesi dal prefetto Michele Campanaro e nel rivolgere a lui gli auguri di buon lavoro nel nuovo e impegnativo incarico alla prefettura di Ferrara, non posso non manifestare anche la mia più viva preoccupazione per il lavoro della cabina di regia della Terra dei Fuochi, privata dopo solo otto mesi del suo coordinatore”, dichiara il presidente di Anci Campania, Domenico Tuccillo.  “Auspico – continua Tuccillo – che il Governo proceda con la massima tempestività alla nomina del sostituto del prefetto Campanaro per dare continuità a un lavoro che si è svolto, finora, in modo proficuo e positivo, ma che è atteso da nuove e decisive sfide. Terra dei Fuochi non può più attendere, non sono più consentite lentezze e sottovalutazioni: Anci Campania e i sindaci di quei territori chiedono a Governo e Regione di fare subito la propria parte”.

leggi tutto
Città Metropolitana

Ex Motorizzazione Civile, Sindaco e Vice Sindaco affidano la struttura alla parrocchia del SS Rosario: doposcuola e sport per bambini e famiglie

afragola parroccchia

Oggi alla presenza del Sindaco, On. Domenico Tuccillo, e del Vice Sindaco con delega al Patrimonio, Avv. Giovanni Giglio, è stato firmato il verbale di affidamento della struttura della Motorizzazione Civile nel quartiere Salicelle alla parrocchia del Santissimo Rosario.
«Abbiamo affidato – ha dichiarato il Sindaco Tuccilloa padre Guglielmo Trillard, della parrocchia del Santissimo Rosario, la struttura dell’ex Motorizzazione Civile che il Comune ha acquisito dal Demanio pubblico. Padre Guglielmo da 15 anni presta la sua opera nel centro storico e si è impegnato a creare un nuovo luogo di socialità per il quartiere Salicelle. Continuiamo a lavorare per offrire nuovi servizi alle famiglie, soprattutto indirizzate ai bambini e alle fasce più deboli».
«La parrocchia – ha proseguito il Vice Sindaco Gigliosi adopererà per rinnovare la struttura secondo le finalità sociali indicate dall’Amministrazione nell’avviso pubblico per l’affidamento del complesso. Qui bambini e famiglie potranno svolgere attività sportive e di doposcuola in un ambiente che sarà completamente rinnovato, grazie a interventi di cui si farà carico la parrocchia e quindi a costo zero per il Comune».
Dopo le formalità di rito, una stretta di mano ha sancito il passaggio di consegne del bene tra il primo cittadino, On. Domenico Tuccillo e Padre Guglielmo Trillard della parrocchia del Santissimo Rosario.

leggi tutto
Città Metropolitana

Cardito. Ottantenne rapinato e picchiato per sottrargli la pensione

rapina cardito

Si stava dirigendo dal nipotino per trascorrere un piacevole sabato mattima invece si è ritrovato in ospedale e scippato dalla pensione appena ritirata all’ufficio postale

di Giuseppe Vernazzaro – Stamattina di buon ora un cittadino carditese di circa 80 anni è stato selvaggiamente picchiato e colpito ripetutamente col calcio di una pistola per aver opposto resistenza ad una rapina. Come denunciato pubblicamente dalla figlia, con un post su facebook, l’uomo di buon ora si è recato in posta per ritirare la pensione per poi dirigersi a casa della figlia per giocare col nipotino, E’ qui lungo il tragitto in via Tommaso Campanella (zona SLAI) che due banditi in sella ad un scooter, i probabilmente seguivano il pensionato dall’uscita della posta, hanno sorpreso l’ottantenne alle spalle e nonostante la resistenza opposta dal malcapitato i malviventi non hanno esitato a malmenare e colpire ripetutamente l’arzillo nonnino per sottrargli la pensione appena ritirata. L’anziano, invece di trascorrere un sereno sabato mattina col nipotino al parco giochi, si è ritrovato al pronto soccorso in stato confusionale picchiato a sangue e con diversi punti di sutura ricevuti alla testa. Questo è solo l’ultimo episodio di una lunga serie di atti criminosi che si sono susseguiti nella zona SLAI di Cardito , ormai abbandonata ad incuria e delinquenza nonostante le continue segnalzioni e denunce fatte dai residenti.

leggi tutto
ASSEriMEDIAmOCampaniaCittà Metropolitana

Poliziotti locali travestiti da turisti per multare i tassisti abusivi della Stazione di Afragola. 

polizia local

La grande Stazione porterà sviluppo se il controllo della società civile sarà sempre più incalzante.

Certo la Stazione di Afragola è realtà, viaggiatori, turisti, studenti. Dall’11 giugno fiumi di parole a mettere o a togliere a questa enorme infrastruttura che potrebbe cambiare definitivamente il volto di un intero territorio. Soli pochi  giorni dal taglio del nastro e sono arrivati i magistrati a spezzare l’entusiasmo: parcheggio e bar provvisorio senza i regolari permessi per esercitare. Titoloni sui giornali e sotto accusa finisce quasi sempre il municipio di Afragola anche se in realtà è stato proprio il municipio a negare quei permessi sia al parcheggio che al bar: infatti nessuno ha sottolineato che l’ufficio competente del municipio afragolese è stato il primo a negare quei permessi con una “pec”, posta elettronica certificata, lo ha fatto molto prima che arrivassero i magistrati a mettere i sigilli e nonostante le grandi difficoltà a tenere sotto controllo un territorio vasto come quello afragolese. Roghi tossici, l’ultimo stanotte proprio a lato della grande stazione, la movida notturna che sempre stanotte ha visto auto capovolte in pieno centro cittadino totalmente alla mercè dei folli che impazzano impuniti. Nonostante la carenza di uomini e mezzi, nonostante le poche risorse destinate al controllo del territorio qualcosa si cerca di fare. La Polizia Locale, con gli uomini del gruppo di polizia giudiziaria travestiti da turisti ha multato i tassisti che svolgono il servizio senza i permessi per farlo, in effetti i taxi possono solo portare persone e non prelevarle. C’è tanto da lavorare per fare in modo che la “Grande Stazione” metta in moto un sano sviluppo del territorio e c’è bisogno anche del controllo della società civile su questo processo oltre all’impegno della classe dirigente.

leggi tutto