chiudi

Politica

Politica

La dichiarazione di Cristina Acri dopo l’annullamento dell’ordinanza del Riesame di Catanzaro che sancì i domiciliari per Aniello Esposito

La Sesta sezione penale della Corte di Cassazione ha emesso un’ordinanza nei confronti di Aniello Esposito annullando l’ordinanza del Riesame del Tribunale di Catanzaro che sancì gli arresti domiciliari per l’imprenditore di Afragola.

LE PAROLE DELL’AVVOCATO

L’ avvocato Alessandro Motta, difensore di Aniello Esposito ha così commentato: “E’ il migliore risultato che potessimo ottenere in questo momento per diversi motivi. Innanzitutto i termini sono perentori quindi se entro 10 giorni il Tribunale del Riesame non fissa la nuova udienza, Esposito sarà libero. Ma c’è un altro aspetto che ci rende fiduciosi: le motivazioni della Cassazione non sono ancora state rese pubbliche ma la decisione di annullare l’ordinanza del Riesame potrebbe far cadere sin da subito tutti gli indizi di colpevolezza nei confronti dell’imputato”.

LA DICHIARAZIONE DELLA CONSIGLIERA ACRI

Aniello Esposito è il marito della consigliera comunale di Afragola, Cristina Acri. Di seguito la dichiarazione rilasciata dal consigliere: “Hanno fatto una campagna elettorale sulla vicenda di mio marito, che mi vede non solo estranea ai fatti a lui contestati ma ribadisco che quei fatti non sono legati né alla mia attività politica, né al territorio di Afragola. Nonostante il processo non fosse nemmeno iniziato, hanno passato un mese a spalarmi fango addosso. Poi arriva la Cassazione e annulla l’ordinanza del Riesame. La sentenza è del 6 giugno, prima del voto, ma nonostante fosse favorevole non l’ho pubblicizzata proprio per evitare che queste vicende potessero entrare a far parte del dibattito politico perché non c’entrano praticamente nulla. Sono convinta dell’estraneità di mio marito rispetto ai fatti contestati e lo dimostrerà nelle sedi competenti come sta avvenendo sin dalle prime battute”.

leggi tutto
COMUNICATI STAMPAPolitica

Comunicato Lega sullo sviluppo dell’area nolana

salvini-biagio-sequino–720×524

Il coordinatore provinciale di Napoli della LEGA SALVINI Biagio Sequino, dopo un minuzioso lavoro di scouting sui territori, ha provveduto all’individuazione dei delegati comunali dell’area nolana che avranno il compito di organizzare e promuovere l’attività del partito, ed in particolare di gestire la fase del tesseramento e dell’apertura delle sezioni cittadine. Tanti giovani amministratori comunali hanno scelto di aderire al progetto SALVINI, così come tanti candidati impegnati nelle elezioni comunali di Cicciano, Cimitile, Scisciano già hanno sottoscritto la tessera di partito. Mentre nella città dei Gigli il partito leghista già è una realtà conosciuta e dinamica, adesso anche nell’intero comprensorio nolano sono state gettate le fondamenta per un espansione forte e per un rinnovamento di classe politico-dirigente.
Luca Manganiello, Casamarciano – consigliere comunale
Umberto De Luca, Cicciano, coadiuvato da Sabato Scala
Attilio Panagrosso, Cimitile, avvocato cassazionista
Bartolomeo Falco, Comiziano – già consigliere comunale
Pasquale Allocca, Marigliano – avvocato, già consigliere comunale
Marco Montemurro, San Paolo Belsito – vice-sindaco, coadiuvato da F.Scala
Carmine Micco, Scisciano, ingegnere
Ferdinando Perna, Tufino, guardia penitenziaria .

leggi tutto
Politica

Orta di Atella, “Campania Libera” presenta la lista dei candidati

ORTA-CANDIDATI-BOSCO

Ieri sera, ad Orta di Atella, è stata presentata la lista dei candidati per “Campania Libera“. La compagine politica sarà impegnata ad Orta di Atella nelle prossime elezioni amministrative.

La Presentazione

All’incontro hanno partecipato anche l’aspirante sindaco Andrea Villano. Era presente il leader provinciale di ‘Campania libera’ e consigliere regionale Luigi Bosco e il coordinatore dell’agro aversano-atellano Cesario Villano. «Ad Orta – ha affermato Bosco – ‘Campania libera’ presenta una squadra composta da tanti giovani professionisti e da candidati più esperti che già in passato hanno dimostrato di saper amministrare. Con il grande sviluppo avuto negli ultimi anni, oggi Orta di Atella è diventato uno dei centri più importanti dell’intera provincia di Caserta. É giunto il momento di farne una città non solo di nome ma anche di fatto. Ecco perché diventa fondamentale estendere il progetto di Zona economica speciale (Zes), previsto per la vicina Marcianise, anche ad Orta e a tutta l’area atellana. Lavoreremo affinché tutto ciò diventi realtà». La lista di ‘Campania libera’ di Orta di Atella è composta da Gaetano Amendola, Anna Biagioni, Ferdinando D’Ambrosio, Gennaro Della Porta, Pasqualina Chianese, Salvatore Del Prete, Teresa Russo, Luisa Russo, Eduardo Vitale, Luigi Grimaldi, Enrico Bartoli, Mariarosaria Donetto, Raffaele Del Prete, Domenico Bianco.

leggi tutto
CulturaPolitica

TAVOLA ROTONDA “CITTA’ VISIBILI” DISUGUAGLIANZE, MARGINALITÀ E DIVERSITÀ ESCONO DALLA ZONA D’OMBRA

WhatsApp Image 2018-05-30 at 13.57.50

Sabato 9 giugno si terrà in Piazzetta Durante a Frattamaggiore, la Tavola Rotonda su Disuguaglianza, Marginalità e Diversità. Diverse realtà sociali, istituzionali e non, proveranno a fare il quadro della situazione della periferia Napoli Nord.

L’obiettivo è quello di avviare un tavolo strutturato e permanente, composto da Associazioni e Istituzioni, per potersi confrontare e cooperare riguardo alle problematiche sociali del territorio e alle azioni da intraprendere. L’evento si realizza grazie al supporto del Bando “La Rete per i Beni Comuni” del CSV Napoli che promuove il progetto “AGORA’ Napoli Nord”. Scopo del progetto è favorire la coesione della rete associativa del territorio a Napoli Nord e allestire uno spazio in Piazzetta Durante che sarà gratuitamente a disposizione di tutte le realtà associative e gruppi di cittadini che hanno voglia di impegnarsi per contrastare il disagio e promuovere lo sviluppo sociale del territorio.

Parteciperanno: Nicola Caprio – Presidente CSV Centro di servizio per il Volontariato Napoli, Rosario Stornaiuolo – Presidente Federconsumatori Napoli, Don Carmine Schiavone – Direttore Caritas diocesana di Aversa, Francesco Iannucci-  CSL Comitato per lo Sviluppo Locale, Arcangelo Cappuccio – Coordinatore Ufficio di Piano N 17, Lorenza Razzano – Assessore alle politiche sociali di Frattamaggiore, Teresa Varavallo – Assessore alle politiche sociali Frattaminore, Raffaella Dolente – Assessore alle politiche sociali Cardito, Carmela Giametta – Assessore alle politiche sociali Grumo Nevano, Roberto Ferrandino – Assessore alle politiche sociali Sant’Antimo, I rappresentanti delle Associazioni aderenti alla rete CSL. Modera il giornalista Giuseppe Maiello.

Appuntamento Sabato 9 giugno ore 17.30 Piazzetta Durante, vico VI Durante 5, Frattamaggiore.

leggi tutto
Politica

Afragola. Tuccillo non parteciperà al confronto con gli altri candidati Sindaco

473419_105462459658701_2084569702_o-820×394

Tuccillo: “Grillo è la controfigura di Nespoli”

“E’ stato organizzato da alcuni organi di stampa un confronto tra i candidati sindaci di Afragola da tenersi domenica 27 maggio.  Un confronto per il quale non ho mai rilasciato autorizzazione alla mia partecipazione. 
Già nel corso dell’apertura della mia campagna elettorale e pubblicamente, ho ribadito che non intendo confrontarmi con Claudio Grillo che considero il paravento di un’ammucchiata che va oltre ogni decenza etica e politica. Grillo è la controfigura nelle mani del vero regista della coalizione, Vincenzo Nespoli, che io ho sfidato pubblicamente ma che si è ben guardato dal raccogliere la sfida.
Per questo motivo non mi confronterò con Grillo che si è prestato alla più grande e pericolosa operazione di trasformismo politico mai avvenuto nella storia di Afragola”.

leggi tutto
Politica

Casalnuovo. Istituto Sacro Cuore, Pelliccia: “la scuola non corre alcun rischio”

casalnuovo sacro cuore

La dichiarazione del Sindaco di Casalnuovo Massimo Pelliccia in merito alle polemiche sull’Istituto Sacro Cuore: “Solo strumentalizzazioni per infangare la mia immagine pubblica, incontrerò in settimana le maestranze della scuola”.

“La notizia delle difformità edilizie che riguardano l’istituto Sacro Cuore ha provocato parecchio allarmismo tra i trenta dipendenti della scuola ed i genitori dei 300 alunni dell’istituto – ha dichiarato il Sindaco Massimo Pelliccia – ma ho rassicurato tutti, ed in settimana li accoglierò in municipio per discutere della vicenda insieme. La scuola non corre alcun rischio, diverse potranno essere le soluzioni attuabili nel pieno rispetto della legalità e delle norme edilizie per garantire il regolare svolgimento delle attività didattiche, atteso anche il contenzioso in essere. Il mio intento è quello di rassenerare tutti. Questa istituzione scolastica, presente dal 1910 sul nostro territorio, non è affatto in pericolo. Resta il rammarico – ha aggiunto il Sindaco – che in questa vicenda siano stati strumentalizzati i bambini, in particolare mio figlio, nel vano tentativo di infangare la mia immagine pubblica”

leggi tutto
Politica

APRE IL PARCO LINEARE, TUCCILLO: «UN ALTRO SPAZIO PER LO SPORT E IL TEMPO LIBERO CONQUISTATO DALLA CITTA’ DI AFRAGOLA

IMG_20180518_020128

“Venerdí 18 maggio alle 11,00 inauguriamo il Parco Lineare di Contrada Leutrek.  Abbiamo così portato a compimento un’opera  molto importante per la città di Afragola grazie a 332 mila euro di fondi  europei contenuti nelle misure di accelerazione della spesa stilate dalla Regione Campania”. A dirlo è il sindaco di Afragola, Domenico TUCCILLO, nell’annunciare l’apertura del nuovo spazio.

Facendo una passeggiata nel Parco Lineare, grande 8 mila metri quadrati, si può apprezzare la nuova area verde conquistata dalla città, arricchita da percorsi pedonali in terra battuta. Il tappeto erboso è circondato da siepi sempreverdi che creano intorno alle panchine aree di sosta per i residenti della zona. Il progetto si completa con due capetti di calcetto, a disposizione dei ragazzi, e dati in gestione a una società sportiva, e una buvette. Il collegamento, poi, con il vicino Stadio Luigi Moccia crea un network per lo sport e il tempo libero nell’ottica di uno spazio urbano dove attività sportiva e di svago, socialità e sostenibilità ambientale si relazionano alla perfezione con il sistema agricolo che ancora lambisce il centro di Afragola.

leggi tutto
PoliticaTerritori

Il parlamentare Iovino (M5S) in visita all’istituto Costantini: “Più attenzione alle scuole del territorio”.

Senza nome-2

Il portavoce alla Camera Luigi Iovino si è recato in visita presso l’Istituto scolastico comprensivo “G. Costantini” di San Paolo Belsito, con l’obiettivo di far conoscere le opportunità offerte dal bando “Facciamo Scuola” attraverso cui, grazie al taglio degli stipendi dei Consiglieri regionali m5s, è possibile attingere a finanziamenti di circa 10.000€ per interventi di varia natura per le scuole di secondo livello.

“Un incontro proficuo col Dirigente scolastico – così ha commentato il giovane portavoce pentastellato a margine della visita presso l’Istituto. Il Costantini rappresenta un fiore all’occhiello per il nostro territorio e ritengo che le Istituzioni abbiano l’obbligo di garantire maggiore attenzione nei confronti dei luoghi di aggregazione sociale come le scuole per contrastare l’emarginazione”.

Sui dettagli della visita: “Assieme al Dott. Villani, che ringrazio per l’ottimo lavoro svolto, abbiamo affrontato le criticità riguardanti le problematiche vissute quotidianamente dagli alunni, in particolar modo la fruibilità degli spazi per lo sport, nonostante siano stati spesi fior di milioni di euro per l’adeguamento strutturale e la messa in sicurezza del complesso scolastico”.

Infine il portavoce conclude con un auspicio: “Mi auguro che la partecipazione al bando possa essere utile per supportare le attività formative. Anche perché a questo Istituto sono legato affettivamente avendo frequentato, da cittadino residente, le scuole medie. Tengo a sottolineare che questa iniziativa dimostra quanto il M5S sia vicino alla comunità con gesti concreti”

leggi tutto
Politica

Casalnuovo, assegno civico comunale: 45 cittadini collocati presso le aziende del territorio

casalnuovo

Pelliccia: “Investimenti del Comune per favorire l’occupazione degli over 30”

Favorire l’incontro tra cittadini disoccupati e le aziende in cerca di personale: è stato questo il filo conduttore della mattinata di lavoro svoltasi nell’aula consiliare di Palazzo Lancellotti. I primi 45 cittadini beneficiari del progetto comunale Assegno Civico – Borse Lavoro questa mattina, dopo il convegno di presentazione, hanno sostenuto i colloqui con le trenta aziende che hanno manifestato interesse ad accogliere gli inoccupati del territorio. Il match tra le necessità delle aziende e le competenze dei candidati ha portato alla creazione di progetti formativi finanziati dal Comune che dureranno sei mesi. I cittadini saranno seguiti da un tutor aziendale nel loro percorso di formazione ed orientamento al lavoro e per sei mesi percepiranno un assegno di 400 euro mensili finanziato dall’ente comunale. “Una soddisfazione enorme”,  ha dichiarato il Sindaco Massimo Pelliccia che ha così portato a realizzazione un altro punto del programma elettorale con il quale si è presentato alla città. “Abbiamo deciso di finanziare in totale 90 assegni civici – ha aggiunto il primo cittadino – questa mattina i primi 45 candidati, risultati ammessi a seguito di graduatoria, hanno sostenuto i colloqui con le aziende che hanno scelto di partecipare al progetto: si tratta di imprese solide, che hanno idee innovative da mettere in campo e che con il loro lavoro contribuiscono allo sviluppo ed alla crescita del nostro territorio. A breve anche gli altri 45 ammessi avranno la stessa possibilità di essere collocati. Grazie al lavoro di tutti siamo riusciti ad avviare questa complessa attività – concluso Pelliccia – impegnando risorse comunali al fine di creare reali opportunità di formazione per gli over 30 tagliati fuori dal mercato occupazionale. Una buona amministrazione opera per abbattere l’assistenzialismo e per creare reali opportunità d’impiego per le donne e gli uomini che hanno voglia di impegnarsi lavorando”.  Il progetto Assegno Civico è stato inoltre valutato come ‘best practice’ dall’Associazione Nazionale dei Comuni: l’obiettivo è quello di esportare  questo programma e di estenderlo anche ad altri Comuni della Regione Campania.

leggi tutto
Politica

Afragola. L’eclissi della politica: ritrovare il senso di un impegno.

municipio afragola 800

di Giovanni Casillo – In una città che ha smarrito il senso di comunità, dove traboccano i personalismi, dove è sistematico preferire lo scontro al dialogo, c’è bisogno urgente di un rinnovato patto sociale che è a fondamento della politica intesa come l’arte di vivere assieme.

Allora è vero che i valori, le norme di convivenza, il modo di essere una comunità plasma la coscienza civile dei cittadini e questo viene ancor prima dell’amministrazione, prima ancora delle regole di rappresentanza:     sono i comportamenti sociali e culturali di ognuno di noi il motore di un vero sviluppo.

«Non possiamo lasciare che il nostro paese veda il rischio di affondare definitivamente il suo fondamento con tutte le conseguenze che una comunità divisa può conoscere. È un lavoro di rifondazione quello che, insieme, ci attende».

Penso sia fondamentale recuperare la politica, anche e soprattutto quando si parla di una città, del suo sviluppo possibile, delle sue prospettive. Non è soltanto questione di una crisi di fiducia verso il personale politico, che non sempre è giustificata. La questione seria è attestare un “noi”, che va oltre le particolarità e definisce le condizioni della vita sociale. E’ necessario valorizzare le convinzioni e le argomentazioni del ceto dirigente, rinunciare al dileggio ed alla violenza verbale che contribuiscono ad alimentare una sorta di isteria nella vita pubblica; piuttosto favorire il dialogo, da ricercare a tutti i costi, come strumento necessario per costruire la comunità, anche quella politica, mettendo il bene personale dopo quello della comunità.

Afragola andrà al voto da qui a pochi giorni, lo scenario delle coalizioni che si formano e poi si disfano è avvilente, mi lascia perplesso e francamente mi angustia. Mi preoccupa il crescente discredito della politica per il divario sempre più grande tra i cittadini e i loro rappresentanti. Le domande che mi pongo sono molteplici: possibile che ci sia in giro tanta arroganza? Nessuno che avverta il bisogno di ascoltare prima di parlare? Possibile che a discapito di tante eccellenze locali che spaziano dallo sport alla cultura, dalle professioni alle imprenditorialità, all’associazionismo etc., la politica produca solo mediocrità? Nessuno che chieda scusa, nessuno che sia capace di rendicontare il suo operato politico?

E’ possibile che non siamo più capaci di elaborare modelli di sviluppo  a misura delle nostre città, dei nostri paesi? È possibile che non sappiamo più proporre valori vissuti – proprio perché non vissuti – sui quali fondare un progetto di governo?

Non penso di essere uno sprovveduto, un “quisque de populo”, convinto che tutti siamo uguali, tutto è sporco e cattivo. Penso invece che siamo noi a dover dare un senso alla comunità in cui viviamo, con le nostre azioni, le nostre storie personali e professionali, gli insegnamenti che abbiamo ricevuto, riaffermando l’importanza delle competenze contro i populismi imperanti e le mediocrità diffuse. Non possiamo rimanere estranei alla vita sociale, non possiamo disinteressarci a questioni che attengono la nostra dignità, il futuro dei più giovani, insomma di quelli che sono rimasti indietro. Il brutto che avanza, il declino valoriale non si vincono con la frustrazione che talvolta diventa anche collera; piuttosto bisogna incarnare un profondo desiderio di cambiamento, ritessendo i nodi dell’intelaiatura di una comunità che ha il coraggio di affrancarsi. In vista di un lavoro di rifondazione, è necessario recuperare la capacità di parlarsi, lasciando cadere le sensibilità esacerbate, indugiando, invece, con “una riflessione seria sulla politica in sé”.

Anche Afragola, come ognuno di noi, ha un suo destino, una sua vocazione. E questa non è semplicemente il prodotto casuale di mille e mille indifferenti interessi individuali, ma il risultato di tante storie che si intrecciano in un disegno comune; anzi, è proprio questo, il suo nascere dalla realtà, dalla storia, che costituisce e costruisce la città, la mia città, la mia gente che ha, infatti una sua identità, una tradizione, una cultura.

Forse e senza forse, allora, il compito di politico è – insieme agli altri cittadini –  aiutare la città, la mia città e il mio popolo a scoprire e a realizzare la sua vocazione, sviluppando tutte le potenzialità presenti.

L’eclissi della politica penso possa superarsi recuperando il senso di partecipazione, ricostruendo i luoghi della politica con la fatica del dialogo tra uomini e donne liberi e forti che con sensibilità speciali siano capaci di riempire i vuoti lasciati da una comunità politica confusa, acritica e autoreferenziale, costruita in senso verticale.

Compito specifico del politico è  unificare le tante domande disaggregate dei cittadini in un progetto capace di andare oltre l’utile e verso il bene comune ed ha alla sua radice proprio la consapevolezza di un disegno di comunità.

A cominciare da me stesso, vorrei invitare tutti, dai singoli cittadini a quelli più impegnati, a chi nella politica spende il suo impegno, anche quotidiano, sempre nel rispetto dei propri convincimenti e delle proprie posizioni, a riconoscere nell’altro la sincerità della sua ricerca del bene comune, l’autenticità della sua fede politica, la determinazione nel rispetto delle regole e della legge. Questo è il mio contributo per tentare di gettare un ponte che colmi una divisione che, credo, faccia male un po’ a tutti.

 

leggi tutto